Nalles è di Nadir Colledani che si esalta sotto la pioggia. È la tappa degli Internazionali d’Italia

Nalles (BZ): Oggi, sabato 2 aprile, il Marlene Sudtirol Sunshine Race Se si conclude con l’ultima delle tre partite, quella della categoria principale delle specialità olimpiche della mountain bike, l’Elite maschile abbinata però a quella degli Under 23. Dopo l’esordio a San Zeno di Montagna in provincia di Verona, oggi le Serie Internazionali d’Italia sono salite in Alto Adige per la seconda prova stagionale, un punto importante perchè assegnava punteggio doppio (Hors Categorie).

Peccato per la mancanza dei big, la maggior parte dei quali sono già in Brasile, dove il next fine seventimana è previsto l’esordio della Coppa del Mondo. Il candidato numero 1 al successo finale è stato il sudafricano della Cannondale Factory Racing, il pilota che ha venduto l’assetto della sua Cannondale Scalpel (leggi QUI). Le condizioni meteo di oggi non sono salite al freddo (9°) come venerdì, con le imbiancate montagne, le mie in questo periodo, le nuvole minacciose se si sono trasformate in pioggia che aveva iniziato a scendere senza la prima svolta.

La gara turn-by-turn:

Giro de Lancio

1 HATHERLY Alan CANNONDALE FACTORY RACING RSA M EL 0:02:39.15
2 ROTH Joel BIXS PERFORMANCE RACE TEAM SUI M EL +10
3 FIDL Maximilian KTM FACTORY MTB TEAM AUT M EL +10
4 treccia daniele CS CARABINIERI OLYMPIA VITTORIA ITA M EL +15
5 KERSCHBAUMER Gerhard GARE SPECIALIZZATE ITA M EL +20
6 RAGGL Gregor BRUNEX Superior Factory Racing AUT M EL +40
7 BERTOLINI Gioele TRINX ITA M EL +50 FABBRICA TEAM
8 COLLEDANI Nadir MMR FACTORY RACING TEAM ITA M EL +75
9 DORIGONI Jakob TORPADO MANUFACTURES TEAM ITA M EL +1.75
10 Filippo FONTANA CS CARABINIERI OLYMPIA VITTORIA ITA M UN +2.10

Foto ©Mario Pierguidi

PRIMO GIRO, COMANDATI DAL SUDAFRICANO HATHERLY E DAL CAMPIONE ITALIANO COLLEDANI. PIOVE

Mentre gli atleti cominciavano a cercare il trattamento finale della sala Usignolo, la pioggia cominciava a bagnare il tracciato, da molti aspettata, da altri odiata, era stato firmato un punto di volta della gara. Con l’inizio dei rovesci anche la temperatura scende in maniera sensibile.

1 HATHERLY Alan CANNONDALE FACTORY RACING RSA M EL 0:16:46.05
Due COLLEDANI Nadir MMR FACTORY RACING TEAM ITA M EL +90
3 BERTOLINI Gioele TRINX ITA M FACTORY TEAM EL +7.20
4 ROTH Joel BIXS PERFORMANCE RACE TEAM SUI M EL +42.80
5 FIDL Maximilian KTM FACTORY MTB TEAM AUT M EL +43.35
6 AVONDETTO Simone WILIER-PIRELLI FACTORY TEAM XCO ITA M UN +43.55
7 RAGGL Gregor BRUNEX Superior Factory Racing AUT M EL +43.90
8 Filippo FONTANA CS CARABINIERI OLYMPIA VITTORIA ITA M UN +44.30
9 BAIR Mario TREK VAUDE AUT M UN +45.40
10 RILEY Bjorn TREK VAUDE USA M UN +45.50

12 KERSCHBAUMER Gerhard GARE SPECIALIZZATE ITA M EL +1:06.90

Foto ©Mario Pierguidi

SECONDO GIRO, DAVANTI NON È CAMBIATO NIENTE. BERTOLINI ANCORA TERZO DIETRO AI DUE FUGGITIVI

Il format copy del campione sudafricano e del campione italiano procedevano spediti, ditro rima a bagnomaria l’atleta Trinx Gioele Bertolini, ma ad inseguire c’è un nutrito gruppetto, che è particolarmente legato a Simone Avondetto.

1 HATHERLY Alan CANNONDALE FACTORY RACING RSA M EL 0:31:09.95
Due COLLEDANI Nadir MMR ITA M EL +5 FACTORY RACING TEAM
3 BERTOLINI Gioele TRINX ITA M FACTORY TEAM EL +15.85
4 AVONDETTO Simone WILIER-PIRELLI FACTORY TEAM XCO ITA M UN +1:08.55
5 ROTH Joel BIXS PERFORMANCE RACE TEAM SUI M EL +1:09.80
6 RAGGL Gregor BRUNEX Superior Factory Racing AUT M EL +1:13.35
7 Filippo FONTANA CS CARABINIERI OLYMPIA VITTORIA ITA M UN +1:13.80
8 RILEY Bjorn TREK VAUDE USA M UN +1:20.55
9 BAIR Mario TREK VAUDE AUT M UN +1:22.10
10 DORIGONI Jakob TEAM FACTORY TORPADO ITA M EL +1:25.05

18 KERSCHBAUMER Gerhard GARE SPECIALIZZATE ITA M EL +2:47.35

Foto ©Mario Pierguidi

TERZO GIRO INTERLOCUTORIO

1 HATHERLY Alan CANNONDALE FACTORY RACING RSA M EL 0:45:53.80
Due COLLEDANI Nadir FACTORY RACING TEAM MMR ITA M EL +0.65
3 BERTOLINI Gioele TRINX ITA M FACTORY TEAM EL +37.65
4 AVONDETTO Simone TEAM WILIER-PIRELLI FACTORY XCO ITA M UN +1:09.45
5 RAGGL Gregor BRUNEX Superior Factory Racing AUT M EL +1:28.05
6 Filippo FONTANA CS CARABINIERI OLYMPIA VITTORIA ITA M UN +1:28.50
7 ROTH Joel BIXS PERFORMANCE RACE TEAM SUI M EL +1:44.60
8 RILEY Bjorn TREK VAUDE USA M UN +1:45.05
9 DORIGONI Jakob TORPADO FACTORY TEAM ITA M EL +2:01.20
10 VITONO Andreas Emanuele KTM – PROTEK – ELETTROSYSTEM ITA M UN +2:19.0

22 KERSCHBAUMER Gerhard GARE SPECIALIZZATE ITA M EL +4:00.90

Foto © Alex Luise – Wilier Pirelli

Foto ©Mario Pierguidi

QUARTO PASSAGGIO, ÍDEM COME IL TERZO

Il duo di testa sembra proseguirà in tacito accordo dopo la parte dovuta, ma lo scenario comincia a cambiare. Nessuno degli inseguitori semina essere in grado di rientrare sulla coppia, ma Avondetto ha lasciato il gruppetto con cui pedalava, per cercare di rientrare su Bertolini.

1 HATHERLY Alan CANNONDALE FACTORY RACING RSA MEL 1:00:33.35
Due COLLEDANI Nadir FACTORY RACING TEAM MMR ITA M EL +0.10
3 BERTOLINI Gioele TRINX ITA M FACTORY TEAM EL +1:14.85
4 AVONDETTO Simone WILIER-PIRELLI FACTORY TEAM XCO ITA M UN +1:21.65
5 RAGGL Gregor BRUNEX Superior Factory Racing AUT M EL +2:03.80
6 Filippo FONTANA CS CARABINIERI OLYMPIA VITTORIA ITA M UN +2:04.25
7 ROTH Joel BIXS PERFORMANCE RACE TEAM SUI M EL +2:48.50
8 RILEY Bjorn TREK VAUDE USA M UN +3:00.70
9 BAIR Mario TREK VAUDE AUT M UN +3:01.00
10 DORIGONI Jakob TORPADO FACTORY TEAM ITA M ON +3:01.45

Foto ©Mario Pierguidi

-1 TURNO ALLA FINE, NADIR COLLEDANI DANZA SOTTO LA PIOGGIA, AVONDETTO AGGANCIA BERTOLINI

Una sagoma colorata spunta dalla fine della salita, è la maglia tricolore del campione italiano Nadir Colledani, uno degli atleti che spicca maggiormente sotto la pioggia. Il friulano della MMR è rimasto da solo, cos’è successo al sudafricano? Nello stesso punto sbuca dopo quasi un minuto, scomposto nella pedalata. Operazione di aggancio andata a buon fine per Avondetto, tra Colledani e Hatherly se separati, dietro se forma una coppia al pappagallo inseguimento. Avondetto e Bertolini passano insieme in cima alla stanza e sotto l’arco, sta per iniziare la fase di studio.

1 COLLEDANI Nadir MMR ITA M FACTORY RACING TEAM EL 1:15:54.55
2 HATHERLY Alan CANNONDALE FACTORY RACING RSA M EL +42.50
3 BERTOLINI Gioele TRINX ITA M FACTORY TEAM EL +1:21.75
4 AVONDETTO Simone WILIER-PIRELLI FACTORY TEAM XCO ITA M UN +1:21.75
5 RAGGL Gregor BRUNEX Superior Factory Racing AUT M EL +2:19.70
6 Filippo FONTANA CS CARABINIERI OLYMPIA VITTORIA ITA M UN +2:19.70
7 DORIGONI Jakob TORPADO FACTORY TEAM ITA M EL +3:31.75
8 BAIR Mario TREK VAUDE AUT M UN +3:34.60
9 ROTH Joel BIXS PERFORMANCE RACE TEAM SUI M EL +3:35.35
10 RILEY Bjorn TREK VAUDE USA M UN +3:36.90

Foto ©Michele Mondini

Foto © Alex Luise – Wilier Pirelli

ORDINE D’ARRIVO APERTO MASCHILE

1 COLLEDANI Nadir MMR ITA M FACTORY RACING TEAM EL 1:31:31.05
Due BERTOLINI Gioele TRINX ITA M FACTORY TEAM EL +1:30.60
3 AVONDETTO Simone TEAM WILIER-PIRELLI FACTORY XCO ITA M UN +1:36.55
4 RAGGL Gregor BRUNEX Superior Factory Racing AUT M EL +2:19.95
5 Filippo FONTANA CS CARABINIERI OLYMPIA VITTORIA ITA M UN +2:22.40
6 HATHERLY Alan GARE DELLA FABBRICA DI CANNONDALE RSA M EL +3:27.00
7 DORIGONI Jakob TEAM FACTORY TORPADO ITA M EL +3:53.35
8 BAIR Mario TREK VAUDE AUT M UN +3:55.55
9 ROTH Joel BIXS PERFORMANCE RACE TEAM SUI M EL +4:07.40
10 RILEY Bjorn TREK VAUDE USA M UN +4:47.95

11 MARKT Karl BRUNEX Superior Factory Racing AUT M EL +4:58.80
12 SEIGLE Romain ROCKRIDER RACING TEAM FRA M EL +5:08.80
13 BAUMANN Janis WILIER – PIRELLI SUI FACTORY TEAM M UN +5:15.10
14 FIDL Maximilian KTM FACTORY MTB TEAM AUT M EL +5:26.35
quindici KERSCHBAUMER Gerhard GARE SPECIALIZZATE ITA M EL +5:39.95
sedici VITONO Andreas Emanuele KTM – PROTEK – ELETTROSYSTEM ITA M UN +6:43.00
17 VASTL Jan GAPP SYSTEM – KOLOFIX MTB RACING TE CZE M EL +6:59.40
18 DI COSMO Gioele TEAM WILIER-PIRELLI FACTORY XCO ITA M EL +7:19.25
19 AGOSTINELLI Alessio KTM – PROTEK – ELETTROSYSTEM ITA M EL +7:27.10
venti Andrea OLYMPIA ITA M FACTORY TEAM AL +7:55.15

Classifica completa: LINK

Foto ©Mario Pierguidi

COSA HANNO DETTO GLI ITALIANI

«So che questa domanda di Nalles è stato un viaggio adattato a tutte le mie caratteristiche, perché ho rischiato di partire più avanti, che non aveva molto troppo all’inizio. Nei primi giri il ritmo era molto alto, per la strofa del penultimo giro mio sono messo davanti ma senza forzare troppo. – ci ha raccontato il vincitore Nadir Colledani.

Foto ©Mario Pierguidi

Ho pedalato a passo costante, pensando a quanto tempo ci sarebbe voluto per finire, e ho visto che Hatherly ha iniziato a barcollare. Per il mio gesto e così mio figlio ha portato a casa questa bellissima vittoria. Vado in Brasile con un alto umore, così io c’è anchor molto da lavorare, ma due vittorie consecutive mi danno una bella spinta, inoltre quando ho iniziato a piovere mi sono sentito ancora più a mio agio. Una vittoria in una categoria Hors la cercavo da tempo e ora è arrivata».

Simone Avondetto Terzo: «Gara bella e dura como sempre qui a Nalles, ammetto che non mi preoccupa la pioggia ma fare il riscaldamento sotto l’acqua non mi piace. Sulla va fuori a tornanti se suono formati vari gruppetti e secondo io fin me la sono giocata con Gioele per il posto, l’ultima twist ho cercato il per tutto, ma soprattutto concentrato a non farmi staccare di Bertolini.

Foto © Alex Luise – Wilier Pirelli

La controparte è rappresentata da Gioele Bertolini del Trinx Factory Team che è stato molto costante durante tutte le ore di gara: «Davanti, Colledani e Hatherly sono stati molto forti, mentre l’austriaco (Raggl, nda) ha creato una barca e io sono restio a trascorrerla da solo a metà salita ma non volevo esagerare al primo giro. Nel pesce del piano, mio ​​figlio era riaccodato alla coppia ma poi ho ceduto a po’ il passo in salita perché non salterò del tutto».

Foto ©Mario Pierguidi

«Ho fatto gara praticamente dà solo multa a due giri dalla fine, quando l’ho vista dirmi Simone Avondetto. Volevo quel secondo posto a tutti i costi, così ho stretto i denti, insieme abbiamo iniziato a nascere sulla coppia davanti. La discesa finale è stata interminabile avevo paura che Avondetto mi entrasse da qualche parte, appena sbagliavo si riaccodava. Questo freddo non aiuta in assoluto ma la condizione è in crescita».

Filippo Fontana, quinto al traguardo «All’inizio è stata abbastanza nervosa, partenza caotica ma al tempo stesso veloce. Ha prigioniero bene la prima salita, sono sempre rimasto nel gruppetto dietro. Forse dovrei osare di più ma nella mia testa mi ripetevo che la gara è lunga, quindi dovevo camminerò con il mio passo senza strafare per evitare di saltare. Alla fine siamo stati fortunati perché nell’ultimo giro sono riusciti addirittura a passare Hatherly. Sono molto contento di questa quinta posizione, ma ha significato che uscirò dal podio. Il fango non mi ha creato problemi, era difficile gestire il freddo”.

LA COSA HA SUCCESSO AL PREFERITO, HATHERLY

il preferito di giornata alan hatherleyè rimasto davanti fino a due giri dalla fine circa, molti si sono chiesti cosa gli fosse successo e noi ci siamo avvicinati a lui proprio per chiederglielo di persona: «Molto fredda, all’inizio stavo pedalando molto bien, poi ha iniziato a piovere e la temperatura si abbassa drasticamente, quindi comincio a soffrire particolarmente.

Foto ©Michele Mondini

Al terzo giro ho iniziato a percepire una sorta di stato di congelamento, non reattivo alla pedalata e ho iniziato a pensare solo a sopravvivere. Passare dai 30 gradi dal Sud Africa a quattro di questa zona, ma sono particolarmente letale. Il mio feeling è molto buono e questo mi servirà per capire di più sul mio stato di forma. Mi è piaciuto il percorso di Nalles, molto semplice ma in queste condizioni è diventato molto impegnativo».

Add Comment