Mbappé sottrae Paris Saint Germain: altri 100 milioni dopo l’ingaggio e 100 netti per 3 anni

Il segreto per una telenovela di successo è il finale a sorpresa. Che cosa Kylian Mbappé Ha scelto per mettere sul tira e molla suo futuro, da due anni suspeso dopo la permanenza Parigi e la corte serratissima del Real Madrid, è forse l’epilogo più sorpresa possibile. Perché Mbappé ha deciso, contro una previsione e forse contro una logica – non è quella del naro – di scegliere, ancora, Parigi.

Calciomercato, diretto. Leonardo lascia il Psg. Il Bologna contro Mihajlovic

di Claudio Cucciatti


L’annuncio ufficiale è stato dato dal presidente Al Khelaifi e si tratta di Mbappé al Parco dei Principi, cugino dell’ultima tappa del Psg contro il Metz. Ma la notizia era ormai di pubblico dominio. Nella giornata di venerdì il fuoriclasse francese, secondo fonti spagnole, chiamato il presidente di Madrid Florentino Perez. per ringraziarlo del corteggiamento e dell’offerta anticipata. Ma comunicandogli che la sua scelta finale era di rinnovare il contratto con la formazione francese.

Domande sul cuore? Più probabile si una domanda di portafoglio, almeno per dare retta alle voci cirlate nelle ultime ore. Ufficialmente, se non sappiamo come criptarlo, ci sarà un bonus per l’azienda di almeno 100 milioni (il font è molto alto, va bene a 300) e 100 milioni all’anno per lo stipendio netto. In più, se si parla della possibilità che il giocatore abbia voce in capitolo nella scelta dell’llenatore e delle campagne trasferimento della società.

Pastorello: “Lukaku ha un problema, lo risolviamo. Bernardeschi? Con la Juve ho un dialogo aperto, Arthur invece…”

di Giulio Cardone e Matteo Pinci



Il ragazzo cresciuto con i poster di Ronaldo in camera, col son del Bernabeu e della maglietta bianca, alla prova dei fatti ha scelto di non fare i bagagli. Legandosi sempre di più al club qatarino: una scelta che toglie il presidente Nasser Al Khelaifi dall’imbarazzo di trovarsi magari a dover assegnerà nel finale dei Mondiali in Qatar la stella che il Qatar ha voltato le spalle. Al contrario, il futuro Kylian sarà il principale organizzatore dell’evento. “Annuncerò di aver esteso il mio contratto al Paris Saint-Germain e sono molto felice”, ha firmato Mbappé. “Sono convinto che continuerò a crescere all’interno di un club che mi dà tempo per raggiungere e più alti livelli. Sono anche felice di continuare a giocare in Francia, Paese che mi ha visto crescere e crescere”.

Shopping Manchester City, il colpo è Haaland. Un vero 9 di Guardiola

di Giulio Cardone e Matteo Pinci



Il rinnovo però ha indignato profondamente il presidente della Lega spagnola, Javier Tebas, che ha usato parole pesa per commentare la scelta: “Quello che farà il Psg rinnovando Mbappé con grandi somme di denaro (a sapere dove and come pay him) dopo aver avuto perditempo per 700 milioni di euro nelle ultime stagioni e avere un monte ingaggi da più di 600 milioni di euro, è un insulto per il calcio. Al Khelaifi è pericoloso quanto la Superlega”. La Lega è pronta a presentare un comunicato all’Uefa, a tutte le autorità amministrative e fiscali francesi e a tutti gli organismi competenti dell’Ue, sostenendo che il presidente del Psg, Nasser Al-Khelaifi “è un reportage per il calcio europeo allo stesso livello”. della Super League”. Aggiungendo che “è scandaloso che a club che la scorsa estagione perso più de 220 milioni di euro, dopo aver accumulato una perdita di 700 milioni di euro nelle ultime stagioni con un costo dello staff sportivo di circa 650 milioni per questa stagione 21/22, possa far fronte ad un accordo con queste caratteristiche”.

Come non bastasse, la Lega ha diramato una nota pubblica annunciando una querela contro il club francese: “La Liga sporge denuncia contro il Psg davanti alla Uefa, alle autorità amministrative e fiscali in Francia e davanti agli organi competenti dell’Unione Europea, ma lo farò continuare a differenziare l’ecosistema economico del calcio europeo e la sua sostenibilità. , se so come portarlo, determino che questa pratica conosce il grave danno che è provocatorio, ma non è uno stato di cose, e ne implica indubbiamente la mancanza del rispetto delle normative vigenti ho dato il controllo economico non solo dell’Uefa, ma del calcio stesso francese”.

Add Comment