Berrettini colpisce Sonego: è semifinale contro lo Stoccarda

Dopo aver perso il primo set, Matteo e risale a chiude 3-6 6-3 6-4 il punteggio finale. Sulla strada della finale c’è Otte

È di Matteo Berrettini il primo derby a livello Atp con Lorenzo Sonego. Una vittoria nella seconda significativa per il numero 10 del mondo: ma è stato il secondo successo consecutivo al termine del lungo e gli ha regalato una semifinale contro Oscar Otte, che non ha avuto successo in campo contro Benjamin Bonzi ( ritirato per disgrazia). Interviene Matteo la possibilità di raggiungere il finale a Stoccarda: la condizione migliore è anchor da trovare, ma riuscire a ribaltare Sonego – 3-6 6-3 6-4 in oltre due ore e un quarto – non è stata breve. Il cammino di Lorenzo se interrotto dopo le vittorie contro Paire e Struff.

i primi due set

A fare la differenza nel primo set è il ritmo di Sonego: Lorenzo ha giocato un tennis aggressivo, efficace sull’erba e con pochi regali; Berrettini ha problemi in risposta e talvolta arriva in ritardo sulla palla. Il rovescio in fondo di Matteo, soprattutto lungolinea, funziona poco. Risultato: è stato il primo giro della battuta di Sonego vanno via veloci, quelli di Berrettini sono combattuti. Il parziale si spacca nel sesto gioco, con il break a favore del numero 31 al mondiale commesso da un errore di Berrettini con il destro in uscita dal servizio. L’allievo di Santopadre ha improvvisamente dovuto la lotta del controbreak più in mezzo e punti risponde in rete, anche nell’ultima partita non godendosi l’occasione: 6-3 per Sonego. Lorenzo apre il secondo set con un punto da applausi: volée in tuffo. Ma con l’andare avanti della partita il cala e Berrettini può far valere il proprio maggior peso di palla: basta una pausa – nel quarto gioco, passaggio a vuoto del torinese – deciderò il parziale, con Sonego che – come Matteo nel primo – ha due palle del controbreak nell’ultimo gioco ma non le sfrutta.

Il terzo

Il terzo posto svolta subito. Il break di Berrettini nella terza partita: fallito Sonego, che se era solo 0-40 per errori di lunghezza, recupera due punti grazie al suo primato perché rinuncia al suo cambio dal fondo in cui Matteo ha incontrato il proprio peso. “Sta tornando il back”, la frase esce dalla bocca di Berrettini nel quarto gioco. Il servizio invece è tornato da tempo: Berrettini è in modalità “martello”, anche se ci sono stati errori dei troppo nei colpi successivi alla battuta non ho vissuto le speranze di Sonego. Nella decima partita, il punto clamoroso di Berrettini: lui sullo 0-15 al servizio, Lorenzo si inventa una grande risposta e Matteo la sorpassa con un grande rovescio sulla riga. Per bellezza e importanza, è il punto del match: Berrettini porta 6-4 al secondo match point.

libertà condizionale

Abbraccio tra Berrettini e Sonego dopo la chiusura del match. “Partita durissima, Sonego aveva fiducia e non è stato facile diventare dopo tre mesi di assenza: sono molto contento di questa vittoria – le parole di Matteo – Io e Lorenzo? Abbiamo iniziato a giocare contro anni fa nei Challenger e hora ci affrontiamo nei più importanti rivolti al mondo. Lui è uno dei miei più grandi amici del circuito, ci alleniamo insieme. Oscar Otte? Mi dispiace perché è tedesco… (ride)”.

Add Comment