Della Dora sprona il Rugby Feltre: “Andiamo oltre i nostri limiti”

Geordie Della Dora Feltro

Domenica alle 15.30 al Boscherai la partita contro il San Marco che vale la promozione in serie B

PROVATO

Camminerò ancora e ai miei limiti. La parola d’ordine nello spogliatoio granata è questa.

Giorgio della DoraIl metaman del Feltre Rugby, non ancora finito nel finale del ritorno dei playoff con il San Marco: so se scoprirà una squadra con una squadra al completo, stringere e denti e getterà letteralmente il cuore della ostacolare, che che nel mondo della palla ovale anglosassone è definito come “mettere in gioco il corpo.

«Sarà una partita dura», hanno detto i trequarti del Feltre «perché se si affrontano due squadre che vogliono raggiungere un traguardo importante. Siamo convinti di potercela fare, perché abbiamo le qualità por raggiungere l’obiettivo. All’andata è stata una bella partita, sotto il profilo agonistico ma, per quanto ci riguarda, non abbiamo mosso la palla quanto dovuto, abbiamo poco attaccato, rispetto alle nostre abitudini».

Cosa servirà per battere il San Marco?

“Io dovremo riproporre l’intensità di Venezia”, evidenzia Della Dora, “ma aggiungendoci più testa, più calmo, meno errori, non solo in attacco, ma anche in disputa. La disciplina sarà una chiave importante della festa e allora, diversamente, non lo farà in fuorigioco, non lo farà sul suo punto di incontro, non lo farà per metterlo in ruck. Ad ogni modo, dobbiamo sapere che è l’ultima parte della tappa, è da soffrire per altri 5′, sì soffre. Noi dobbiamo andare oltre i nostri limiti, dobbiamo esprimerci meglio di quello que lo normal sappiamo fare. Dobbiamo anche pensare che sarà una piccola parte come l’altra, non caricarla di troppa pressione. Però, io su questo aspetto vado male a dare consigli, perché è tutta la setimana che mi sogno il match di domani».

Che anniversario è San Marco?

«Loro sono una bella rosa, se vedi che non hanno tanta voglia di giocare il loro rugby. Ho invitato, come difendono attaccare avanzare sembrava la linea».

Cosa ti aspetti dal Boscherai domani?

«È la nostra casa, il nostro campo, c’è la nostra gente: con tutti questi ingredienti, noi siamo un’altra squadra. A Venezia non abbiamo giocato male, abbiamo avuto ache l’approccio giusto ma, comunque, due ore di coriera si fanno saber. Domani sarà un’altra cosa ache la fase dell’arrivo alla partita».

Sotto il profilo della sventura, nella casa granata con cui si risolve ogni azione, nulla che possa impedire al protagonista di un’intera tappa di questo presente.

Fischio d’inizio alle 15.30 e indirizzo arbitrale affidata a Christian Covati di Piacenza. Il Rugby Feltre attende il pubblico delle grandi occasioni e si è attrezzato anche con delle sorprese, che gli appassionati della palla ovale sono presenti al pappagallo ingresso nella casa del rugby feltrino.

Accesso illimitato a tutto e contenuto del sito

3 mesi a 1€, poi 2,99€ al mese per 3 mesi

Blocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Add Comment