Ha aggiunto Gianni Clerici, è il grande narratore del tennis – Sport

ROMA. Italo Calvino lo definisce “uno scrittore imprestato allo sport”: morto all’età di 91 anni, a Bellagio, Gianni Clerici, firma storica del tennis, da tempo collaboratore di ‘Repubblica’ che annuncia il confronto sul suo sito. Nato a Como nel 1930, ha giocato a tennis, vincendo grazie ai titoli italiani juniors di coppia in doppio con Fausto Gardini e una coppa De Galea a Vichy nel 1950 e partecipando come singolosta a Wimbledon (1953) e Roland Garros.

Aveva collaborato dal 1951 al 1954 con La Gazzetta dello Sport, e nel 1954 con Sport Giallo e Il Mondo, nel 1956 è stato ospite del Giorno di Milano come editorialista e ospite, commentando il tennis anche in tv.

Ha firmato i grandi ‘classici’ dedicati allo sport della racchetta: Il tennis facile (1972), 500 anni di tennis (1972, ripreso in una nuova edizione nel 2007), la Divina biografia. Suzanne Wengen, la più grande tennista del XX secolo (2002), Gianni Clerici agli Internazionali d’Italia. Cronache dello scriba 1930-2010 (2010) e Wimbledon. Sessant’anni di storia del più importante torneo mondiale (2013). Ma è autore anche di testi narrativi (la trilogia I gesti bianchi, 1995; la raccolta di racconti Una notte con la Gioconda, 2008; i romanzi Australia felix, 2012, e 2084. La dittatura delle donne, 2020), di raccolte poetiche ( Postumo in vita, 2005; Il suono del colore, 2011) e saggi storici (Mussolini. L’ultima notte, 2007). Nel 2010 Veronica Lavenia e Piero Pardini pubblicano la loro biografia, intitolata Il cantastorie instancabile. Gianni Clerici lo scrittore, il giornalista il poeta. Nel 2006 Clerici è stato inserito nella International Tennis Hall of Fame, sec.

Add Comment