Le cinque risposte che la Fortitudo Bologna deve alla ripartenza

Metabolizzata retrocessione in A2 e scaduto termina per chiunque avese desiderato la società così da togliere di mezzo una volta per tutte le annoyed voci di cordate più o meno farlocche che si sono succedute, alla Fortitudo Bologna ea chi rimane alla sua guida è Tempo di resistenza sulle risposte da re a se stessi e ai tifosi, visto che entro fine mese sarà presto pronto per l’iscrizione al campionato. E’ sfumata anche la ventilata ipotesi di ripescaggio dei giorni scorsi visto che sarà la Pallacanestro Trieste ha confermato che sarà la culla della serie A 2022-23 sarà anche lei.

Cinque le risposte da fornire, tutte le importanti allo estesso modo per fare a meno dell’ordine temporaneo in cui inevitabilmente se devono:

– scelta del nuovo presidente

– scelta del nuovo direttore sportivo

– risposta dell’Agenzia delle Entrate sul piano di ristrutturazione

– scelta del nuovo riempitivo

– ritiro dall’attività di Stefano Mancinelli.

Bene in quel momento, ogni conversazione di mercato sulla squadra della prossima estagione sarà pura retorica, dà un’eventuale conferma di Matteo Fantinelli, ormai ristabilito, a quella di un Pietro Aradori che, dà un terzo posto tra gli italiani nella classifica marcatori, trova spunto per continuare a giocare e che in A2 potrebbe rivelarsi “illegal” pur con tutti i suoi ben conosciuti limiti diffensivi.

Add Comment