l’uso di pitboard e dashboard

Nessun pilota come componente del team Aprilia e ha segnato contro Aleix Espargarò dopo l’errore nel GP di Catalogna. Sarebbe irriconoscente visto un atleta che sta segnalando l’esplosione di un costruttore e di una squadra che non ha visto un momento difficile nell’anno precedente. Bisogna evitarlo se strappa ma non manda in fumo altri punti importanti per la classifica MotoGP. Per dare una panoramica di quanto tempo fa il veterano Andrea Dovizioso, pilota del team Yamaha WithU RNF: “Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non è difficile che ci sia successo in una cosa generale“.

Il pitboard in MotoGP

La base resta la responsabilità del pilota, che non può permettersi la minima distrazione quando corre ad alta velocità e nella corsa al titolo mondiale. Il ‘Dovi’ spiega meglio il funzionamento del pitboard: “Devo decidere all’initio-arrivo quali informazioni da tenere, di solito è il distaco (da chi segue, ed.). Soprattutto, non puoi tenerlo ad ogni svolta. Si vede che mancano quattro giri, allora lo ricordi e lo calcoli. Di solito funziona così“. Aleix Espargarò non è riuscito a mantenere il pitboard all’inizio del penultimo giro, seduto alla torre che mostrava L1, a causa della confusione al termine del 23esimo giro. “Può accadere perché è stagnante e può causare confusione in quali condizioni. Anche se il pilota semina l’idiota dall’esterno, in realtà è molto facile sbagliare“.

Il cruscotto in MotoGP

Qualcuno si è chiesto come mai il numero dei giri di gara non anche proiettato sulla dashboard. Sarebbe il modo più semplice per un pilota della MotoGP, perché fornisce tutte le informazioni sotto gli occhi. In realtà sono ben altre le informazioni segnalate sul cruscotto: “Quasi nessuno mostra il numero del tour. Suzuki ce l’ha, ma forse sono gli unici. Non posso mostrarti tutto quello che vedrò – ha sottolineato Andrea Dovizioso da un reportage di Speedweek.com -. Quando scegli una cosa, non c’è spazio per altro. Dipende dalla tua priorità e tu decidi quale sei. Dillo tutto da solo, quasi tutto è segnato in modo da poterlo controllare durante l’arrampicata. Se viene visualizzato un altro numero, potrebbe creare confusione. farlo, ma non è la norma comune“.

Add Comment