Ricciardo: “Stiamo parlando, supportiamo la squadra” – F1 Piloti – Formula 1

Daniele Ricciardo se si avvicina al microfono quasi con aria rassegnata. Sa che gli arriberranno domande a raffica sulla sua situazione contrattuale in McLaren, e sa ache di dover fare buon viso a cattivo gioco. I risultati, d’altronde, parlando da solo, e non l’ho studiato al simulatore, lo stile di guida di Lando Norris sta dando e aspettando frutti, si vedrà che il Tasso è l’ultimo in classifica nella prima sessione di prove Libere di Baku tra i piloti che hanno ottenuto il tempo con la gomma morbida.

L’australiano ha ottenuto di aver un colloquio con l’amministratore delegato Zak Brown: “Sì, stiamo parlando, siamo senza contratto. Tuttavia non c’è stato nulla da approfondire. Ho pensato che mi sarei voltato, e questo era molto colpevole perché il mio posto per parlare molto, siamo lasciamo coinvolgere dai media, non sempre riusciamo a dare un senso compiuto alle cose“, ha detto Ricciardo in una conferenza stampata a Baku, riferendosi ai piccoli commenti lusinghieri di Brown sulla sua prestazione. “Non sono rimasto sorpresa da quelle parole. Non così perché, forse sono diventato un po’immune ai media. Con il passare degli anni tutto ti scivola meglio addosso, anche perché capisci che alcune cose vengono estrapolate dal contesto. In fin dei conti, conosco i fatti e le relazioni che ho con la squadra, quindi non mi lascio coinvolgere. Non è una mia sorpresa nulla in questi giorni. meil mio contratto con la squadra è chiaro, dura fino alla fine del prossimo anno, e il mio impegno è totale. L’ho detto chiaramente. Per favore, ma devo salire in pista per mostrargli di cosa sono capace. Credo davvero di avere il pieno sostegno della squadra e di uscire insieme da quel momento difficile“.

PRENOTAZIONE RIPRODUZIONE

Add Comment