Quartararo, Yamaha non vuole illuderlo: la “promessa” di Meregalli

Meregalli spiega come Yamaha ha convinto Quartararo a innovare: gli sono state date garanzie tecniche importanti per il futuro.

Il yamaha Sicuramente è stata una grande operazione riscendo a prolungare il contratto di Fabio Quartararo. Non ruota diversamente, dato che è l’unico che riesce a vincere con la M1.

Fabio Quartararo (Foto Ansa)

La casa di Iwata non perderà il fuoriclasse di Carica della MotoGP, che in questo trattamento ha tranquillamente trasformato il coltello dal maniaco conoscendo l’importanza della sua squadra. Il punto non era solo che avrei trovato un contratto di tipo economicoc’era di più in ballo.

Il pilota francese al termine dei test pre-campionato se ne rammarica del fatto che la moto non rimanga abbastanza stabile per il 2021. Si è fatto specifiche richieste e non si accontenta, trovando qualcosa dal forte malumore in lui e pensando a ad un Aggiungi un buon anno.

In particolare in termini di motore aveva chiesto più potenza per essere maggiormente veloce sul dritto. Non è stato soddisfatto, ma in ottica 2023 la squadra gli ha garantito che ci saranno progressi importanti. La distribuzione motoristica è stata rafforzata, sia con l’ingresso di Luca Marmorini ex Ferrari come consulente, anche se si aspettava passi avanti.

Yamaha MotoGP, Meregalli rassicura Quartararo

La Yamaha M1 di Fabio Quartararo (foto Ansa)

Massimo Meregalli in un’intervista concessa a GPone.com ha confermato che per il prossimo anno vedremo a M1 migliore: “Sicuramente sarà più veloce. Sono certo che cambieranno lo cuce. In Giappone sono arrivate nuove persone. L’accordo con Marmorini da parte di questa apertura mentale, prima non c’era mai estata una consulenza esterna”.

team manager yamaha garantisce progressi entro il 2023 e svela quando il nuovo prototipo apparirà in pista per la prima volta: “Penso che nei test di settembre a Misano vedremo la prima versione”.

Quartararo è rimasto un anno a Misano e nei test non è stato entusiasta della moto del team Iwata. Stavolta lo cuce dovrebbero andare in modo diverso, dato che Meregalli ha garantito che in fabbrica se stanno muovendosi per compiere degli step notevoli.

In Yamaha sanno che il motore va migliorato, perché oggi la velocità sul dritto è troppo inferiore rispetto a quella delle Ducati, ma allo stesso tempo lavorerò sodo in modo da non perdere la grande qualità che ha la M1 in curva. Quartararo si aspetta tanto dalla casa giapponese, che non vuole deludere né lui né il compagno Franco Morbidelli.

Add Comment