Tour de France 2022, Patrick Lefevere delinea la rosa attorno a Fabio Jakobsen: “Mark Cavendish mi ha detto se lo farà presto ma all’ultimo giorno”

patrick lefevere traccia le grandi linee della Vinile alfa rapido Alabama Tour de France 2022. Se la selezione finale sarà svelata solo dal Giro di Svizzera, il patron della storica formazione belga ha incontrato alcuni paletti, a partire dalla presenza di Fabio Jacobsen. Sarà dunque di nuovo legato a un velocista che sarà soprattutto costruisce la squadra che lo scorso anno ha conquistato quattro tappe e maglia verde con marchio cavendish. Per il momento l’assenza del britannico resta confermata, ma l’esperienza dell’anno corto lascia uno spiraglio aperto.

“Non è un segreto che andremo a fare le volate al Tour con Fabio Jakobsen – spiega Lefevere a Het Nieuwsblad – Anche lui ovviamente ha continuato a camminare con i piedi di piombo perché non si sa mai. Lo scorso ano anche Sam Bennett era una certezza, per così dire, ma alla fine è stato Mark Cavendish a fare il Tour. Ci ho parlato alla fin del Giro d’Italia e mi ha detto ‘Sono un professionista, presto starò bene all’ultimo giorno‘.”

Attesa di capirò la situazione di Giuliano Alaphilippeper chi comunica al datore di lavoro se si mostra moderatamente ottimista per quanto sta dimostrando in allenamento (pur consapevole che “è diverse fare le salite con Tim Declerq me Yves Lampert piuttosto che con i migliori al mondo”), anche altri ruoli sostanzialmente già assegnati.

“Fino a prova contraria, michele morkov è il migliore al mondo nel suo ruolo – aggiunge – Yves Lampert e/o Florian Senechal Hanno anche riprodotto un post sul treno. Inoltre, siccome sei a squadra con uno sprinter devi avere anche control la corsa, quindi ti serve unrunnere come Tim Declerq o Giuseppe Cernyma purtroppo quest’ultimo si è sentito mal durante il Giro del Delfinato”.

• SpazioCiclismo viene selezionato dal nuovo servizio di Google News, per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità sul ciclismo, segui chi

Add Comment