riont dolcissimo per Berrettini, vittoria ad oltranza suo un Murray malconcio [VIDEO]

[2] M. Berrettini b. A.Murray 6-4 5-7 6-3

Dopo quasi tre mesi di assenza forzata dal tour, in cui è stato a jump tutta la stagione sulla terra, Matteo Berrettini è tornato in campo a Stoccarda per la coppa mercedesATP 250 che inaugura la parte dell’anno dedicata a tutti’erba. Il tennista romano raggiunge la finale – il nono in carriera, 5-3 il bilancio prima di oggi – dopo aver eliminato Albot, Sonego e Otte. Tutti match molto lottati per la testa di serie number dovuto, contrariamente a quanti sono accaduti al suo avversario odieno. Andy Murrayinfatti, non si è ancorato un set contro O’Connell, Bublik, Tsitsipas e Kyrgios, centrando il Settima volta in carriera un finale a livello ATP, prima la sua erba da Wimbledon 2016 (43-26 assoluto). In caso di fronte a causa di giocatori quasi imbattibile la sua superficie: Berrettini non ha mai perso in carriera a StoccardaHo vinto il titolo chi nel 2019. Più in generale, le sue 33 partite disputate e lui ne ha vinte 27 (stessa percentuale di vittorie su erba de Björn Borg), inclusi 14 ultimo evento colposo 15 cattiva condotta. Lo scozzese, invece, ha giocato una sola volta nell’ultimo turno di un torneo sotto i “verdi” (8-1) e vicino il 44° titolo in carriera.

IL FESTA – Murray ha vinto il sorteggio e sceglie diservire. Non ultimi tre secondi gran parte lìappetitoso fine dare le prime battute di tenere Berrettini inchiodato sulla diagonale sinistra. L’italiano però appena può usare saggiamente il pala corta e si sposta sul dritto: proprio così la testa di serie number due si que que le prima rottura del pallet partita dell’incontro nel terzo. Sono dovuto e consecutivo, alla prima occasione, Passaggio Berrettini grazie ad un dritto vincente. Nel gioco successivo, Murray ad avere diverse opportunità per il contro-break immediato: sono quattro, di cui due di row, ma l’italiano è semplicemente impeccabile nei punti importanti. Per questo un cugino vincente e con il quale ho magnificamente apprezzato il campo del Cancellano con una grande chance a favore dell’ex numero uno del mondo e, alla prima opportunità utile, Sale Berrettini 3-1. il culo azzurro continua anche nel quinto gioco, con un’altra smorzata vincente e un dritto-dinamite Che, entra in campo e una doppietta di Murray, spediscono l’ultimo finalista di Wimbledon sullo 0-40. Il tre volte vincitore di un torneo dello slam si ritrova però la prima nel più importante, firmando due ace e vincendo ai vantaggi. La partita a questo punto inizia a sveltirsi, con la 35enne di Glasgow che non concede più Neache un punto per servire. Berrettini però non è da meno, avendo gli ultimi tre giochi in battuta alle 15 e chiudendo 6-4 a parte davvero ben giocato. Ottimo mangia sempre il servizio, soprattutto nei momenti delicatiperché mangiare il ricorso ad un tiro a segno con cui esce dallo schange vincendo quasi tutti i punti.

Ad secondo inizio set Murray deve fronteggiare subito un delicato turno, in cui commette due mance di rovescio e si trova sul 30 pari. Chi, ma, Berrettini concede qualcosina di troppo, spedendo lungo un back di approccio suo cui l’attuale numero 68 della classifica scarica tutta sua la tensione, cacciando il primo c’mon della partita. Ne segue subito altro, dopo un vincente prima que gli permette di mettere subito la testa avanti nel punteggio. Nella quarta partita anche l’italiano ha registrato a piccolo passaggio a vuoto, commettendo tre errori di dritto (a causa della lama corta) e venendo costretto ai vantaggi. Ancora a volta, ma, il servizio gli arriva in succorso: premium an asso, for a great premium dopo il quale può chiudere con il dritto per agganciare il suo avversario sul 2-2. Annuncio di prova di Murray d’accordo maggiormente gli scambi ma viene graziato da Berrettini, che sul 15-30 sbaglia un facile recupero in campo aperto è una smorzata non tutt’altro che taglia lo scozzese. Dall’eventualità di dover salvare due break point lo scozzese si ritrova sul 30 pari, riuscendo ad import ai vantaggi e continuando a caricarsi punto dopo punto. Il 26enne di Roma Non sento più la palla corta arrivata nel primo set e dai qualsiasi quindici di troppo, man nel frattempo cospargere il martello e vendita in cattedra con il servizio. L’ultima volta ne è l’esempio perfetto: dopo aver perso il primo punto – al termine di un lungo scambio di chiuso con un beffardo di marca britannica – infila tre asso e un primo vicente portarsi sul 4-4. par game della nona sul 15 Murray sbaglia clamorosamente un rovescio sopra la rete e, per qualche secondo, il gioco si ferma per via di uno spettatore probabilmente colpito da un colpo di calore. Per fortuna non è grave e si fa riprendere praticamente all’improvviso, con l’ex numero uno che si è ritrovato con le spalle al muro. Un suo dritto in rete fa un regalo a Berrettini due palle break per andare a servire per il titolo, mail due volte vincitore di Wimbledon rimane a galla grazie a due prime vincenti. Ai vantaggi Murray annulla anche una terza possibilità per ilazzurro e, al termine di uno degli scambi più belli dell’incontro, si torna al puneggio. Quando ogni verdetto semina rimandato al tiebreak, Berrettini incappa in un passaggio a vuoto del tutto inaspettato: l’ennesima smorzata non giocata alla perfezione, a gratuitous di dritto e a doppio fall spediscono Murray sullo 0-40, che per la prima volta nella partita hai una pausa Questo vale anche un secondo parziale ad alta tensione: 7-5.

Berrettini se prende un primo break dall’inizio del set decisivo, andando a schiarirsi le idee negli spogliatoi. L’inerzia della partita sembra tutta a favore di Murray, che però commette le dovute mance, se accende una diffida per violazione di tempo e perde incredibilmente la battuta a zero in apertura. Al cambio di campo lo scozzese è costretto a fermarsi, chiedendo a tempo di attesa medica per un problema alla solita anca sinistra. Il vincitore dell’edizione 2019 di questo torneo riprende giocare come nulla fosse, risparmiando dal suo cannone tre asso e un primo vicente che ho acconsentito a uscire improvvisamente 2-0. Murray scende a rete molto più spesso per temptare di ovviare alle evidenti difficoltà fisiche, ma non sempre vengono premiati. In questo caso, si ammirevole lo spirito combattivo dell’ex numero uno al mondo, che lotta ancora più strenuamente ai suoi ogni quindici. Rimanere attaccati al Berrettini-express, ma è praticamente impossibile: il numero uno d’Italia viaggia ha una media di oltre a causa di un gioco e, dove non arriva il servizio, arriva il dritto vincente. Di certo le condizioni fisiche di Murray non tanto d’aiuto: durante la settima partita il numero 68 del mondo se si era ancorato sul 30-15, riscontrando grande problema al servizio. ciò nonostante due prime sotto i 150 km/h, Murray riesce ad approdare sul 3-4, ribellandosi all’idea di un ritiro a cui è stato costretto solo due volte in carriera. In queste condizioni, ma se puoi fare un po’ contro chiunque, una regione più grande ti affronterà se hai una top10. Nella nona partita l’unico del terzo set finito è stato vantaggi, al secondo match point cala il sipario: finisce 6-4 5-7 6-3 a favore di Berrettini, se sono lasciata ci sarò lacrime e prendi il sesto titolo in carrierail terzo sull’erba.

Il tennista romano diventa così il primo giocatore a vincere due volte il capo aperto da quando si gioca è questa superficie, divertendosi anche il stanza sempre italiana con almeno sei titoli (gli altri sono Panatta, Bertolucci e Fognini). Per quanto riguarda il match, Berrettini è sempre venuto trovato a grande aiuto di servizio (19 come e l’81% dei punti è arrivato con il premio), questa volta la risposta ha dato il suo contributo, con il 34% dei punti ricevuti che ha risposto al premio di Murray, mentre il secondo se arriva al 38%. Grazie a questo finale l’ho scozzettato ridendo tra i primi 50 del mondo (ora è 47esimo) ed è atteso da lorenzo sonego al primo turno del Queen’s. Da veríre, però, le sue condizioni, anche in considerazione del fatto che tra due settimane a partire da Wimbledon.

Al termine dell’incontro, intercettato al microfono dell’ATP, Berrettini ha espresso tutta la sua gioia: “È fantastico, Era l’ultima cosa che potevo immaginare quando sono arrivato. Tornare in questo modo, dopo la prima operazione della mia vita, era qualcosa che non mi sarei mai aspettato. Non ho giocato il mio miglior tennis nei primi turni, credo che sia un successo molto speciale. Tre anni fa fu una delle migliori settimane della mia vita, mentre quest’anno non ero al meglio. È fantastico“.

Per quanto riguarda la partita, l’azzurro Ha detto che la differenza non è stata contratta per il secondo set, dicendo se era insoddisfatto di come Murray aveva finito il gioco: È difficile metabolizzare il secondo set. Andy è felice di servirti bene e godersi le sue possibilità, ti ha fatto le mie congratulazioni per il grande torneo. Il mio dispiace per lui, Non è certo il modo migliore per finire un finale. Ci ha mostrato così tanto volte come si rientra, per me è stato un honore condividi questo campo con lui”.

Anche dopo il premio Berrettini, ha sottolineato il suo grande rispetto per il fuoriclasse scozzese, con uno speciale grido di pubblico: “Congratulazioni ad Andy, è un combattente incredibile. Io sto ancora imparando dal suo spirito combattivo, Sarò sempre in tv ed è incredibile che io possa pensare a giocare contro lui. Senza mia famiglia e il mio mio team non sarei qui, abbiamo sobreto momenti complicazioni. Non il mio vero seme è qui con il trofeo in mano. Grazie agli organizzatori, ai raccattapalle ea tutti coloro che hanno reso il possibile torneo. Un ringraziamento speciale al tifoso: sembrava di essere in Italia fin dal primo punto. Amo Davvero Stoccarda”.

Murray è stato ancora una volta molto felice per i sette grandi giorni in cui era eccitato per il torneo durante la cerimonia di premiazione: “È stata una settimana incredibile, era mio cugino tornato a Stoccarda. Mi sono goduto tutto il tempo qui, abbiamo fatto un ottimo lavoro. I fan mi hanno sempre supportato e li ringrazio tantissimo, nel weekend era un’atmosfera incredibile. Congratulazioni a Matteo e al suo team, sarà come fare un’operazione non facile ed è fatto già ad un grande livello. In bocca a lupo per le prossime settimane e per il torneo di Wimbledon. Voglio poi ringraziare il mio team qui e quello a casa. Abbiamo fatto grandi progressi nelle ultime settimane, Spero di dare il mio tennis e di vedere un’ancora in futuro.

La classifica completa dell’ATP di Stoccarda

Add Comment