Rugby: L’Aquila promossa in serie B – Abruzzo

Finale di ritorno vinta 45-21 controllo l’Arechi Salerno

(ANSA) – PESCARA, 13 GIU – “Chi può volare”, questo lo slogan utilizzato dall’evento Maglietta distribuito da Rugby L’Aquila, ed è sogno se è avverato, da una giovane squadra, quella dei neroverdi, nata appena un anno fa: dopo aver dominato il suo girone di serie C, ha conquistato la promozione in serie B battendo l’Arechi di Salerno, 45 a 21, nel finale di ritorno in una gilda Tommaso Fattori stadium come non si vedeva da anni, in una domenica di festa per tutto lo sport abruzzese. Ovazione per l’uomo alto Dario Subrizi, che a 41 anni ha giocato la sua ultima partita, raggiungendo un certo traguardo, coronato da una grande prestazione.

«Una gioia immensa – commenta il presidente Mauro Scopano, amministratore dell’Aterno gas&power – Mi sento solo a ringraziare, con il cuore, tutti i ragazzi e tutto lo staff tecnico, il capo allenatore Massimo Di Marco, il direttore tecnico Alessandro Cialone, il vincitore dei tre quarti, Roberto D’Antonio, il vincitore degli anticipi, Luigi Milani, il team manager Diego Sterpone. e non era affatto scontato, il nostro camino prosegue”.

Il tecnico Di Marco, aggiunge “siamo cresciuti man mano, abbiamo sobreto le difficoltà, affinato gioco e schemi, con umiltà e impegno, imparando dagli errori. , con l’imperativo di crescere ancora”.

“Rivolgo ai ragazzi della Rugby L’Aquila – commenta il sindaco Pierluigi Biondi – le più congratulazioni per la vittoria del campionato e l’accesso alla serie B.

Un’affermazione che tutti sportivi gli sperano possa essere solo il primo passo il ritorno della palla ovale aquilana nei palcoscenici prestigio che competono per storia, tradizione e palmares. Un successo frutto di un occhio e di una strategia aziendale prospettica, di una seria programmazione si dietro le scrivanie si sul campo. Per questo il presidente Scopano, l’allenatore Di Marco e tutto lo staff tecnico-dirigente verseranno un grande elogio per un dono di gioia in questo momento”.

(ANSA).

RIPRODUZIONE PRENOTAZIONE © Copyright ANSA