Pallacanestro Varese: stallo sui rinnovi. Gli stranieri lontani, di De Nicolao il tempo stringe

fienile a casa pallacanestro varese sulla domanda rinnovi. In attesa di definee chi sarà il nuovo riempitivo e con lui tutto lo staff che comporrà il nuovo organigramma tecnico, ad oggi non se registra alcun tipo di trattamento avviata per quanto riguarda i possibili rinnovi dei giocatori biancorossi dell’ultima stagione.

Detto e ridetto che il parco italiano più Justin Reyes Sarà la base del nuovo roster, varie domande da Rimangono Ancora sembrano in sospeso, soprattutto per quello che riguarda gli stranieri, che come well yes sà, nel basket sono sempre tra gli ultimi a firmare accordi.

Partiamo però dall’unico azzurro in questo momento in “bilico” in casa varesina, ovvero Giovanni De Nicolao. Il play veneto ha la possibilità di usufruire del contratto entrare il 30 giugno ma in questo momento De Nick ha dato priorità a Varese, con la volontà del capire quale possa essere il nuovo progetto e l’allenatore che guiderà. A questo si aggiunga il grande feeling con i compagni que securamente rimarranno in squadra, da capitan ferropassando per Woldentese e Caruso, con cui ha trascorso parte delle vacanze e festeggiato anche il compleanno la scorsa settimana. il 10 biancorosso sarebbe felicissimo di rimanere ai piedi del Sacro Monte, ma c’è un contratto da discutere, con il testamento di De Nick di poterlo svolgere anche in maniera pluriennale ed adeguare a livello economico. I discorsi sono aperti mail tempo per le scelte stringe e non si può andare troppo oltre.

So quanto ci tengo e feedback sono ottimistacon la volontà della società di potere rinnoverò, consolidando così un pezzo importante del nucleo azzurro in squadra, per quanti giocatori arrivano Sorokas, Keene, Vene e Beane il discorso è molto vario.

Detto settimane fa ormai che la permanenza di Beane è complicata, sia per motivi tecnici che tattici nella new Come di gioco varesina, che continuarà nella la sua filosofia anche con il prossimo allenatore, con il passare dei giorni anche con le posizioni degli altri tre compagni di squadra restano assai in bilico.

L’unico per il quale ad oggi la società avrebbe maturato la volontà di fare uno sforzo importante è Sorokanche in visione dei discorsi aperti con Paul Bligha, in un’idea di pacchetto lunghi dinamico e atletico che alletta le alte sfere biancorosse. C’è però daconsidere il fattore economico: Paulius, dopo l’ottima annata giocata, ha innalzato il suo valore e con ciò ha vestito anche il suo so l’interesse della diversità squadre, vedi un paio di scopo Pervenute dal Giappone, che lo stanno facendo vacillare e non poco. Ai soldi del Sol Levante, per una proposta che sarebbe addirittura di tre volte superiore a quanto percepisce ora a Varese, Sorokas sta soppesando tutto ciò che è l’ambiente e la sua regola in bianco oltre alla finestra del basket europeo per toccare con mano tutto l’OJM formula Una proposta, progetto ed economicoche possa fargli dimenticare il peso dei tanti Yen che now lo stanno attirando.

Discorso analogico di Keene e Vene. La commedia americana è tornato negli USA dove, tra famiglia e svago, if it is filled with assistance in palestra, come i suoi social dimostrare, in attesa di una chiamata da Varese che per ora non è ancora arrivata. Anche ciò che vale discorso per Sorokas: Keene Se si tiene il turno forte del titolo di capocannoniere, allegando l’offerta migliore per uno degli ultimi treni del vettore ed in caso di un’eventuale permanenza a Varese, si vorrebbe un aumento considerevole rispetto allo scorso anno, maggiore o minore di 160.000 dollari Di cui si parlava qualche settimana fa, il tutto collegato al discorso coppe europee, tassello fondamentale per la permanenza del pafolletto.

infinito la capitale Venezia: Siim ha piantato radici solidissime a Varese nel corso delle sue esperienze ai piedi del Sacro Monte. Dalla sua canzone, per una potenziale permanenza in biancorosso, ci sarebbe sempre la richiesta di adeguamento nel contratto, con la volontà forte però di poter rimanere in un ambiente che sa meraviglia e in quale sa osare il meglio, in una città in cui ha casa , amici e una quotidianità fuori dal campo; fattori, questi, da non sottovalutare per la sua possibile permanenza. Il nodo principale della domanda ma è la durata dell’eventuale prolungamento del contratto: l’ala è scandita infatti ad un biennale degli accordiche a 32 anni anchor da compiere, potrebbe significare l’ultimo passo forse ad alto livello del vichingo biancorosso, con la società proprietaria per quest’ultima condizione valuta attentamente la situazione.

In questo quadro d’incertezze se stai creando una sicurezza non dà molto: non tutti rimarranno e più probabilmente di tutti pappagallo ne rimarrà solo uno ed è chiaro che, prima di definee le situazioni contrattuali in bilico, Varese darà priorità alla scelta di chi poi guiderà la squadra e per il quale, tra questa prossima setiamana e la, dovrebbe sviluppi sempre più importanti.

Alessandro Burin

Add Comment