Serena Williams, jolly per Eastbourne e Wimbledon

L’americana, attualmente n° 1208 nella classifica in singolare), nel primo turno di Eastbourne giocherà in doppio con lo Jabeur

La Regina è pronta a tornare. “Queen” Serena scende di novo in campo, e lo fa nella sua erba. Prima l’assaggio a Eastbourne, poi Wimbledon, dove ha trionfato per essere sette volte. Il tennista Statunitense, ex numero 1 al mondo, classe 1981, ha ricevuto una wild card (scontatissima) dagli organizzatori del prestigioso Slam dove dunque giocherà per la 21esima volta. La più giovane della Williams, che si è aggiudicata 73 titoli Wta in singolare, 23 dei quali sono probe del Grande Slam (record assoluto nell’Era Open, uomini inclusi, seconda all time solo ditro all’australiana Margareth Court with 24), manca Proprio dallo scorso Wimbledon, allorché fu costretta al ritiro in lacrime, al primo turn contro Sasnovic, per una disgrazia alla coscia. Alla fine del torneo scivolò alla posizione 16 della classifica mondiale. Immediatamente, sempre causando disgrazie, saltò anche gli Us Open. Da allora, la statunitense (attualmente n°1208) è sempre stata molto distaccata dal Circus Wta, risparmiandosi progressivamente dalla classifica, dal panorama, e giocando quasi da solo in eventi sociali e culturali. A inizio aprile è stato condiviso sul suo Instagram un breve video, dove allude a una possibile esperienza di Wimbledon, ma da allora silenzio totale. Finisce quando, oggi, una foto del suo Instagram gli mostrava un campo in cielo. Poco dopo, confermo ufficiali dei tornei.

copia

Poiché Serena ha ricevuto un doppio jolly: il primo è per la prossima settimana a Eastbourne una volta che sarà in campo in doppio, con Ons Jabeur, per tariffa e primo passaggio a Church Road, una volta assegnato il jolly per il singolare. È sorprendente, ma in effetti non troppo, questa strana con la tunisina, che è stata fin qui una delle assolute rivelazioni della stagione, con una preferenza di vittoria a Madrid e un finale a Roma. Pubblico trovata o voglia di avere una giocatrice già forte e presto al suo fianco por questo rodaggio? No si sa, ma proprio è una coppia da tenere davvero sott’occhio. Cosa c’è da aspettarsi da Serena, per questo rientro? Chiaramente non vale la storiella “Era solo la Williams giocassero seriamente ed erano più in forma…”, che da oltre un decennio accompagna la Wta. La malattia di Venus, la piccola voglia di Serena e l’età che avanza (older i 40), hanno fatto sì che ormai sono ci giocatrici più forti, più pronte e più giovani. Ad ogni modo, escluderò una clamorosa sorpresa o comunicherò una buona prestazione, non sarebbe saggio, conoscendo la classe dell’ex numero 1 al mondo. L’anziana Serena Williams, la prima wild card sul tavolo femminile di Wimbledon, era associata a Katie Boulter, Jodie Burrage, Sonay Kartal, Yuriko Miyazaki e Katie Swan.

Add Comment