notizie, foto e storia dell’umanità golfistica

NAPOLI Lydia Ko (Foto di Michael Reaves / GETTY IMAGES NORD AMERICA)

Se il golf maschile nel 2022 è stato dominato da Rory McIlroy quello femminile ha una dominatrice. La regina si chiama Lydia Koche, in Florida, se ne è prigioniera praticamente tutto quello che c’era da cogliere ad eccezione numero uno nella classifica Rolex.

Andiamo con ordine. Il neozelandese è arrivato a Napoli, con un totale di 271 colpi (65 66 70 70, -17), il Campionato di giro di gruppo CMEultimo torneo stagionale dell’LPGA Tour.

Con quest’affermazione si nomina il 25° anno di origine sudcoreana (da Seoul). Giocatore Rolex dell’anno, ossia quale miglior giocatrice del più grande circuito femminile americano. L’ancora: le è consegnata Trofeo Varè (la seconda volta in carriera) per il punteggio medio più alto (68.988). Nella storia del circuito, solo la svedese Annika Sorenstam nel 2002 (68.70) è andata di gran lunga meglio.

E non è tutto: l’affermazione nel Campionato di giro di gruppo CME ha permesso a Lydia Ko d’incassare in un colpo proprio a causa di milioni di dollari, ossia Il top set nella storia del Tour LPGA. Un bel bel gruzzolo che lo lancia al quinto posto nella classifica dei guadagni (16.695.357 dollari) in carriera sul circuito. Ko ha superato superando così Suzann Pettersen (14.837.579) e Lorena Ochoa (14.863.331). Ochoa si ferma ma resta comunque il primato di Incassi in una sola stazione (4.364.994 nel 2007, 591 dollari in più di Lydia Ko versione 2022).

Lydia Ko: “E’difficile fare paragoni”

Lidia KO
NAPOLI, Lydia Ko con il Vare Trophy, il Rolex Player of the Year Trophy e il CME Globe Trophy (Foto di Michael Reaves / GETTY IMAGES NORTH AMERICA)

“E’ difficile fare paragoni con il pastato. Comunque è certo che questa sia stata una stagione speciale, ricca di emozioni e riconoscimenti. La voglio condividere con la mia famiglia e tutto lo staff” spiega la Ko.

Per il più giovane proette destinato a diventare il numero 1 al mondo nel 2015 (all’età di 17 anni, 9 mesi e 8 giorni) ancora una stampa. In gara spettacolo con medaglia d’argento ai Giochi di Rio 2016 e medaglia di bronzo a Tokyo. Per lei è la 19esima vittoria nel Tour LPGA. Quest’ennesimo trionfo l’ha consentito inoltre d’imporsi pure nella FedEx Cup femminile. In ventidue eventi del 2022, il Ko è arrivato davanti a tutte tre volte.

Il successo arrivato a Napoli è un trionfo cable a cable. Nella prova della cugina all’ultimo turno ha sbaragliato la concorrenza dell’irlandese Leona Maguire, seconda con 273 (-15) seguita da Anna Nordqvist, terza con 274 (-14).


Add Comment